Libri da leggere in Kindle Unlimited

Libri da leggere in Kindle Unlimited

Kindle Unlimited è come una biblioteca personale illimitata sempre disponibile. Offre l’accesso a più di un milione di libri, tra cui tantissimi classici ma non solo.

I miei preferiti infatti sono i libri di crescita personale. L’abbonamento offre la prova gratuita di un mese dopodiché costa 9.99 euro. Al momento c’è la promozione prova gratuita per 3 mesi invece di 1 mese, valida fino al 31 maggio. Per fare la prova gratuita clicca qui.

Per leggere i libri, si può usare un dispositivo Kindle, così come l’app gratuita Kindle sul cellulare o sul pc.

alt=

Trovi qui sotto 10 libri da leggere in kindle Unlimited divisi per categoria.

Minimalismo

Minimalismo digitale. Rimettere a fuoco la propria vita in un mondo pieno di distrazioni

Il minimalismo digitale è l’applicazione del minimalismo alle tecnologie.
È un libro da leggere assolutamente in questo periodo storico caratterizzato dalla presenza continua dei social media.

“Di tutte le diverse filosofie che ho studiato, una in particolare si è dimostrata superiore nel fornire risposte a chi cerca di stare bene nell’attuale periodo di sovraccarico tecnologico. È la filosofia del minimalismo digitale secondo cui, nel rapporto con gli strumenti digitali, meno può essere meglio.”

Come liberarsi dal superfluo e vivere felici

Libro basato sull’esperienza dello scrittore nel liberare la casa di altre persone. Molto interessante vedere come certi problemi interiori siano collegati con il disordine fisico, e viceversa. Fa riflettere.

“Questa è la libertà dalle cose superflue: non aver bisogno di nulla.”

Alimentazione sana

Il cibo che cura, il cibo che ammala

Un libro che apre gli occhi e la mente. Ho sperimentato sulla mia pelle le conseguenze positive di un cambiamento consapevole dell’alimentazione e non potrei essere più grata a chi non ha paura di dire la verità, tramite documentari, libri, blog o video. Questo è un libro che dice la verità – scritto da una dott.ssa con tanti anni di esperienza nella cura dei tumori.

“La conoscenza è la prima medicina”.

Mangia come un elefante: Sette passi per fare la rivoluzione in cucina e nella tua vita

Guida alla scoperta dell’alimentazione vegetale con tante ottime ricette vegetali, sopratutto semplici come piace a me. La mia ricetta preferita del libro è la torta di carote e datteri senza zucchero.

“Ogni attimo è il frutto di una decisione e ognuno di noi è il risultato delle decisioni prese nel corso del tempo.”

La mia famiglia mangia Green

Silvia Goggi, nutrizionista, mostra che è facile e divertente preparare piatti sani e nutrienti per i propri figli, adatti alla loro età e ai loro gusti ma anche al tempo a disposizione. Contiene 200+ ricette suddivise per fascia di età e per menu stagionali e settimanali.

“I genitori sono i primi nutrizionisti dei propri bambini, e dalla spesa alla preparazione dei piatti sono i diretti responsabili dell’alimentazione di chi ancora non può scegliere.”

Crescita personale

Ikigai

Trovare il proprio ikigai, la propria ragione di vita, e sentire finalmente di condurre un’esistenza piena, soddisfacente e degna di essere vissuta.
È un libro per chi cerca il senso della vita.

“Si potrebbe affermare che il nostro personale ikigai si articola in quattro grandi aree tematiche:
Quel che amiamo fare.
I nostri punti di forza o le nostre capacità.
Ciò di cui il mondo ha bisogno.
Le cose per le quali veniamo remunerati, o potremmo esserlo, e le cose che potrebbero valerci una contropartita da parte di altre persone.”

Hygge

Lo stile danese consiste nel creare l’atmosfera giusta all’interno della propria casa, del proprio ufficio e sopratutto dentro di te. D’altronde, stare bene con se stessi è la prima base da porre per essere felici.

“Lo scopo dell’hygge non è quello di cercare una felicità passeggera, ma di creare la felicità ogni giorno, trovarla nelle piccole cose, concentrandosi sulla semplicità e su ciò che fa stare bene, così da vivere felici. La felicità non è una destinazione ma un viaggio.”

La legge dell’attrazione

Desidera. Scopri l’entusiasmo per ciò che vuoi davvero raggiungere nella tua vita. Decidi. Una volta individuato l’obiettivo, decidi di essere pronto a un impegno spirituale profondo. Chiedi. Raggiunti la certezza e l’entusiasmo necessari, chiedi con parole semplici e concise. Credi. Credi nel raggiungimento del risultato a livello consapevole e anche a livello inconsapevole. Lavora. Lavora per ottenere ciò che vuoi ogni giorno. Immaginati già arrivato. Ringrazia. Ricordati sempre di ringraziare l’universo e senti la gratitudine nel tuo cuore.

La legge dell’attrazione non è magia, ti aiuta a diventare una persona migliore e vivere la tua vita migliore.

Mi ha fatto capire che solo diventando la persona che devo essere posso avere ciò che voglio avere. Se voglio il successo lavorativo devo diventare una persona che pensa e si comporta come un imprenditore di successo. Se voglio la salute devo comportarmi come farebbe una persona sana. Se voglio una relazione forte, devo dare ciò che voglio ricevere: rispetto, comprensione, empatia.

The 7 habits of highly effective people (in inglese)

Un libro che cambia la vita. È uno di quei libri di crescita personale che ti fanno davvero crescere, come persona, come genitore, come imprenditore.

“Satisfied needs do not motivate. It’s only the unsatisfied need that motivates.”

Marketing e scrittura

Copywriting: Il Manuale Definitivo alla Scrittura Persuasiva

Manuale che insegna a scrivere un testo che “arriva” e che porta risultati.
Non basta avere una buona idea o un ottimo prodotto, devi saperli diffondere e vendere. La scrittura persuasiva insegna come farlo.

“Un testo ben scritto e ottimizzato per i motori di ricerca, è in grado prima di tutto di attirare visitatori, in secondo luogo, può trasformare un semplice visitatore in un seguace affidabile.”

alt=

 

Questi erano solo alcuni dei libri da leggere in Kindle Unlimited.

 

Per altri libri di crescita personale in grado di cambiare la vita vedi l’articolo:

11 libri di crescita personale che ti cambiano la vita

Questa pagina potrebbe contenere link di affiliazione.
JOURNALING – cosa scrivere nel diario

JOURNALING – cosa scrivere nel diario

Mi sono ricordata di quando volevo tenere un diario, ma non sapevo cosa scrivere nel diario. Vedevo gli altri averne, ne compravo di carini ma dopo due pagine abbandonavo. Non sapevo cosa scrivere né avevo più voglia di farlo. Mi sembrava banale scrivere che cosa ho fatto e scrivere i pensieri troppo complicato.
Poi provavo a organizzarlo, dividerlo, a tenerlo carino – poi ho capito il segreto per finire un diario – non organizzarlo.

Con tutto il perfezionismo che c’è in noi e che vogliamo mostrare quotidianamente – non sarebbe bello avere un posto dove non dover essere perfetti?

Averlo appunto organizzato in un certo modo era come un blocco, e per non rovinare l’ordine o il senso – non scrivevo finché lo abbandonavo completamente e così con molteplici diari – non sono mai riuscita a usare effettivamente un diario fino a questo quando l’ho usato così com’è – pagina dopo pagina – non importa l’argomento che sia un’idea, una frase o il piano per la giornata.

Il perfezionismo spesso ci controlla e non ci lascia fare, ci blocca – secondo me non ci si dovrebbero porre delle regole riguardo il journaling: quando scrivere, quante volte – quando e come vuoi.

alt=

Questo nell’immagine sopra l’ho usato per 2 anni – c’è tutta la mia trasformazione – l’altro giorno lo riguardavo ed è stato molto interessante leggere il percorso che ho fatto e leggere che cosa mi ha portata fin qui, e vedere come si sono connessi i puntini.

E volevo condividere che cosa ho scritto per capire cosa volevo fare nella vita, per raggiungere gli obiettivi, per avere più chiarezza mentale e organizzazione e per migliorare la mia vita.

Scriversi i desideri – per esempio i 150 desideri. Si tratta di scriverne 150 per poi cancellarne 49 per arrivare a 101 desideri. Io ne ho scritti 44 e sono già tanti – quando cominci a scriverli ti rendi conto che non è facile andare oltre i 7/8 desideri – che una persona nella media ha – bisogna proprio impegnarsi, scavare e andare oltre ai limiti, essere onesti e avere il coraggio di ammettere i propri sogni.

Spesso sono lì, ma facciamo finta che non ci siano perché convinti di non poterli raggiungere – e per non restare delusi non li diciamo mai a voce alta e nemmeno a noi stessi.

Dunque i desideri andrebbero scritti in forma positiva cominciando con “Io voglio…”. Devono riguardare solo voi stessi non gli altri, niente negazioni, devono essere brevi e precisi niente poemi. E giustamente andrebbero letti ogni tanto.

Ve nescrivo qualcuno dei miei – più della metà si sono avverati – li ho scritti a fine dicembre del 2018 – alcuni non sono più validi non mi interessano più, quindi li ho cancellati. Dunque man mano che si avverano potete tirarci su una linea. E man mano che ne avete altri li aggiungete – quindi è qualcosa che continua sempre non ha una scadenza.

Dunque…
– Io voglio trovare il mio stile
– Io voglio avere la mia casa
– Io voglio essere perfettamente in salute
– Io voglio imparare a cucinare bene
– Io voglio bere più acqua
– Io voglio viaggiare di più in Italia – speriamo l’anno prossimo
– Io voglio apprezzare quello che ho
– Io voglio crescere i miei pomodori e cetrioli – non ancora ma arriverà il giorno
– Io voglio parlare alle università – e qui non avevo nemmeno un blog, ma di cosa volevo parlare alle università? Il punto è che non avevo ancora idea ma volevo un giorno avere di cosa – e il fatto è che è successo di meglio ho fatto un TED talk.

A cosa serve e perché funziona.
Serve intanto per analizzarsi, per dedicare del tempo a pensare a noi. Funziona perché ti concentri su questi desideri – e sapere cosa si vuole è già tanto – e una volta che sai – le decisioni che prendi sono in linea con i desideri. Se ti poni come obiettivo di comprarti la casa entro fine anno – non ti compri la macchina. E quando ci arrivano le occasioni, le opportunità, le vediamo e siamo in grado di coglierle.

Che cosa piace e non piace – che cosa piace fare, cosa fa sentire bene e cosa no, in generale, riguardante qualsiasi cosa.

Io per esempio avevo scritto guardare video YT, organizzare, organizzare eventi, usare la creatività, socializzare, fotografare…

Al momento pensavo non servisse a nulla e invece mi è servito per far chiarezza per me che è ciò che mi piaceva fare.

E cosa non piace.
L’unica cosa che ho scritto è non lavorare in ufficio.

Che cosa voglio e non voglio è diverso dai 150 desideri perché non si tratta di oggetti ma più della vita in generale. Io ho cominciato con i non voglio, per esempio:
Non voglio aspettare la pensione per godermi la vita;
Non voglio essere controllata dalla paura.

E quindi cosa voglio?

Voglio essere indipendente.
Voglio decidere per la mia vita.
E voglio godermi il viaggio.

Il giorno perfetto – come sarebbe un giorno perfetto:
Non avere paura di immaginarlo altrimenti non succederà mai. Il giorno perfetto che ho immaginato io quasi 2 anni fa e che non era minimamente reale – è quasi realtà – tranne il fatto di lavorare 6 ore al giorno, lavoro moooolto di più ma sono felice di farlo.

• Obiettivi per i prossimi 2-3 anni – obiettivi grandi ma fattibili:

A me non piacciono gli obiettivi a 5 – 10 anni, quelli sono più sogni che obiettivi, va bene avere un’idea generale ma ci sono troppe variabili e a me piace avere la libertà di cambiare.
Obiettivi per me sono dei sogni ma con un piano a cui stiamo lavorando.

• Obiettivi a 1 anno – Quindi degli obiettivi più piccoli, che cosa potresti fare – per ottenere il cambiamento desiderato o per poter poi raggiungere gli obiettivi più a lungo termine.
Per esempio un mio obiettivo era aprire un locale quindi come obiettivo a breve era fare il corso obbligatorio e fare il business plan.

• Obiettivi a 2-3 mesi – di nuovo obiettivi a sé che si possono raggiungere o obiettivi piccoli che servono per raggiungere quelli grandi. Può essere fare un corso, leggere 5 libri, creare un blog – per chi è interessato trovate qui come l’ho creato io e per creare una community interessata al mondo online ho creato anche la pagina Instagram dedicata – si chiama @creailtuospazio.

• Il piano per raggiungere gli obiettivi sopra – può essere generale, non deve essere super dettagliato ma usare delle scadenze e dei numeri che si desiderano raggiungere – anche se al momento sembrano impossibili non importa potete anche esagerare.

• Fare le “to do list” – quindi i piani quotidiani – le cose da fare per la giornata.
Io preferisco farlo la sera, perché se lo facessi al mattino non scriverei niente anzi scriverei tornare a letto, mentre la sera sono piena di speranza per il giorno dopo. Comunque non faccio il piano sempre ma spesso, sia per non dimenticare certe cose, per non doverle ricordare e quindi liberare la mente, per essere determinata e focalizzata e anche per fare la spunta a fine giornata.

• Affermazioni positive – una volta capito cosa si vuole, usare le affermazioni per cancellare i limiti ed i blocchi, per motivarsi, per restare positivi. C’è un video dedicato alle affermazioni sul mio canale – lo trovi qui:

Un’affermazione che mi piace molto è “Io ho tutto ciò di cui ho bisogno per avere successo” ed è quella che mi ha aiutata molto. Quindi sono frasi che ci danno coraggio.
Altri 2 esempi:
Io creo la mia realtà;
Accetto solo positività nella mia vita – questa è una decisione.

È ultimo punto scriversi i pensieri – non della serie “Caro diario”… ma quelle realizzazioni che a volte succedono, o frasi utili che sentiamo o leggiamo, qualcosa di importante che qualcuno ci ha detto. Pensiamo di ricordarci tutto ciò ma non è così, a volte un pensiero o una frase può avere più senso letta dopo 1 o 6 mesi.

Spero di averti dato ispirazione per cosa scrivere nel diario. Non aspettare – scrivi. 

COME SOSTITUIRE LA PLASTICA – PLASTIC FREE

COME SOSTITUIRE LA PLASTICA – PLASTIC FREE

Io faccio sempre più attenzione alla plastica e voglio condividere con voi come cerco di evitarla o di sostituirla e quindi delle alternative valide ai prodotti di plastica.

La plastica va evitata e noi dobbiamo trovare le alternative – ma questo va fatto con consapevolezza e non per moda.

Ho fatto questa precisazione perché  ci sono persone che fanno i cambiamenti in modo insostenibile anche se l’intenzione sincera è la sostenibilità.

Per esempio: se hai ancora tre spazzolini nuovi, usali e poi compra la versione sostenibile in bambù o con le testine intercambiabili in plastica biodegradabile, oppure se hai ancora sapone e shampoo in bottiglie, finiscili e poi acquista quelli solidi.

Vediamo ora come sostituire la plastica in diverse aree.

alt=

Cucina:

Borsa della spesa in cotone – che uso quasi ogni giorno e non solo per la spesa.

alt=

Spazzola per lavare i piatti

alt=

Contenitore in vetro per il detersivo per i piatti – che riempio quando finisce e che acquisto in formato sfuso.

alt=

Contenitori per cibo in vetro

alt=

Caraffa con il filtro per l’acqua – invece delle bottiglie.

alt=

Bagno

Spazzolino da denti in bambù

alt=

Salviette in cotone lavabili  sostituiscono i dischetti in cotone monouso 

alt=

Panno struccante – strucca senza nessun prodotto, solo con acqua quindi sostituisce sia i dischetti monouso in cotone sia la soluzione struccante solitamente venduta in plastica.

Oli per viso e corpo in contenitori di vetro invece delle creme.

alt=

Sapone solido per rasare invece del gel

alt=

Rasoio di sicurezza + lamette – invece dei rasoi in plastica.

alt=

Shampoo e saponi solidi – invece di quelli liquidi confezionati in plastica – per me proprio banditi.

alt=

Spugna per la doccia in loofa

alt=

Spazzola per dry brushing – spazzola per corpo che sostituisce gli scrub, da usare sulla pelle secca prima della doccia.

alt=

Pettine in legno

alt=

Spugnetta naturale di Konjac – per pulire il viso.

alt=

Cotton fioc in legno

alt=

Coppetta mestruale

alt=

Fashion

Per quanto riguarda l’abbigliamento, cerco di acquistare solo tessuti naturali come cotone, bambù, tencel/lyocell, lino e così via. Quindi cerco di evitare tessuti come poliestere, acrilico… che rilasciano microfibre di plastica durante il lavaggio che poi finiscono nell’ambiente, nel mare, noi stessi ingeriamo queste microfibre.

 

alt=""
spaziogrigio
spaziogrigio
spaziogrigio minimalismo

Questo però non significa buttare i vestiti che si hanno già perché sarebbe solo altro spreco e inquinamento ma piano piano sostituirli.

Gatto

Croccantini in formato sfuso – trova un negozio che vende in formato sfuso, se i negozi che conosci non ne vendono prova a chiedere – potrebbero considerarlo.

Scatolette in alluminio

Erba gatta – acquistare i semi e farla crescere a casa.

Evito giocattoli in plastica – tanto è più felice con i sacchetti, le scatole, foglie delle piante e così via.

Tiragraffi in cartone.

Spesa

Mi rifiuto di acquistare frutta e verdura confezionata in plastica. Mi sono ritrovata a dover fare un paio di eccezioni ma generalmente anche se mi serve non la prendo, prendo altro o se proprio mi serve passo in un altro supermercato.

Cerco di acquistare il più possibile al mercato in formato sfuso.

Non acquisto cibi confezionati in plastica come lo yogurt perché per me non è essenziale, compro invece il tofu, e qui dipende quindi dalle proprie preferenze, ognuno dovrebbe vedere quello che riesce ad eliminare/sostituire o no.

Se c’è scelta, per esempio per la pasta, per il riso, per l’avena etc, scelgo la scatola in cartone.

E come ho menzionato prima usare le proprie borse per la spesa – preferibilmente in cotone.

Altri modi per sostituire la plastica:

– A volte preparo a casa il dentifricio:

2 cucchiai di olio di cocco in formato solido (non sciolto)
3 cucchiai di argilla
5 gocce di olio essenziale di menta per un buon profumo e la sensazione di freschezza
3 gocce di olio essenziale di tea tree – è opzionale ma aumenta la funzione antibatterica
Si può aggiungere polvere di Stevia per addolcire.

Mescolare tutto e contenere in una confezione sul lavandino e prelevare con un cucchiaino. Da alternare con altri dentifrici fatti in casa o quelli commerciali.

– Preparo a casa anche lo scrub corpo paradisiaco la ricetta si trova nel mio e-book sulla routine mattutina.

– Carta igienica la prendo, se possibile, di carta riciclata e la confezione in plastica biodegradabile.

– Scotex – lo uso solo quando davvero necessario.

– Il mio diario è interamente in materie riciclate.

alt=

– Il tappetino yoga è biodegradabile.

alt=

– Contenitori vari in materiali naturali

Ma il modo migliore in assoluto per sostenere l’ambiente ed il nostro pianeta è consumare consapevolmente.

Consumiamo molto di più di quello di cui abbiamo bisogno, sia in termini di alimentazione sia di abbigliamento e di oggetti in generale quindi consumare meno ma meglio è la chiave.

Se l’articolo ti è piaciuto e ti è stato utile, supportami condividendolo sui social per diffondere l’idea, lascia un commento o altre idee per migliorare tutti insieme.

Ci vediamo al prossimo articolo e fino ad allora vi auguro di farvi circondare da più natura e meno plastica.

Peace,

Irina

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

10 sane abitudini per donne

11 libri di crescita personale

10 abitudini sane per donne

10 abitudini sane per donne

Prendermi cura di me è un’abitudine.
Prenderci cura di noi dev’essere un’abitudine, deve essere normale perché quando ci prendiamo cura di noi siamo in grado di prenderci cura degli altri e questo è bellissimo.

Io credo nella prevenzione, credo nella leggerezza mentale e fisica. Credo in abitudini e in routine che ci fanno non solo sopravvivere ma ci aiutano a prosperare.

E voglio condividere con voi alcune delle mie abitudini sane, principalmente per donne essendo donna ma che vanno bene anche per uomini. Quindi se avete uomini nella vostra vita condividete anche con loro.

Creare buone abitudini quotidiane significa che ad un certo punto si fanno senza nemmeno pensarci ma i risultati ci sono e si vedono.

Non è mai troppo tardi per adottare una nuova abitudine sana.

1. Pulire la lingua e fare gargarismi

alt=La lingua dev’essere rosa, non bianca, grigia, gialla – rosa!
Io so, da quando sono piccola, che la lingua è segno della propria salute, se non è rosa c’è qualcosa che non va. E sono stata abituata a pulirla ogni giorno. Spesso troviamo questa patina bianca sulla lingua, di notte si accumulano batteri e tossine. La prima cosa che faccio al mattino è sciacquare la bocca, lavare i denti e pulire la lingua. Porta via un minuto ma i benefici ci sono: per l’alito, per non far tornare nel nostro intestino i batteri e le tossine, per sentire meglio i sapori.

Per farlo si può usare lo spazzolino, con movimenti dal fondo verso la punta, un cucchiaino oppure il nettalingua – uno strumento specifico, io uso questo in rame perché ha proprietà antimicrobiche, è igienico, dura anni se non tutta la vita.

Alla fine faccio 20 secondi di gargarismi semplicemente con acqua, l’ho fatto diventare abitudine molti anni fa. Normalmente si fa quando si ha mal di gola con acqua salata, acqua e limone. A me piace farlo per prevenzione, non ho il mal di gola da almeno 2 anni quindi forse funziona, ma in generale mi dà una sensazione di pulito.

2. Spazzolare a secco – Dry brushing

alt=Ho scoperto questa tecnica l’anno scorso e dopo averla usato una volta ho capito che ne avevo bisogno. La quantità di cellule morte che svolazzavano intorno a me era imbarazzante, non riuscivo a respirare mi faceva impressione. Quindi consiglio di farlo assolutamente in bagno.

Per fare il dry brushing si usa una spazzola specifica (con setole dure) e si passa su pelle asciutta prima della doccia, con movimenti decisi verso il cuore, facendo lo stesso movimento su un punto 2-3 volte. Aiuta la circolazione del sangue, ovviamente a togliere le cellule morte, aiuta per la cellulite, per i peli incarniti.
La pelle è più morbida, più luminosa, e se usate poi un olio per idratare la pelle dopo la doccia questo avrà un effetto maggiore che applicato sopra un bel strato di cellule morte. Però non è magia, non fa miracoli ovviamente, come nessun altro prodotto, ma usato regolarmente aiuta sicuramente a migliorare l’aspetto e lo stato della pelle.
La mia spazzola l’ho presa in un negozio bio e un po’ mi dispiace perché ho speso il triplo rispetto a quelle online, vi lascio una valida che ho trovato online, naturale, niente plastica e sostituisce gli scrub che durano poco, confezionati in plastica con ingredienti non proprio innocui per noi né per l’ambiente.

3. 10 minuti al sole

La vitamina D è fondamentale, per le ossa, per prevenire tumori e tante altre malattie, per l’intero organismo.
Quindi prendersi del tempo per stare fuori, al balcone, in giardino non importa ma stare al sole. Senza esagerare ovviamente – io parlo di 10-20 minuti.
Per persone che lavorano da casa come me, e per tutti gli altri durante questo periodo, stare a contatto diretto con il sole fa molto molto bene. Io prendo quotidianamente almeno una pausa caffè da 10-15 minuti al balcone senza telefono e mi godo i raggi solari.

4. Dormire nudi

Si sa, l’avremmo sentito o letto da qualche parte almeno una volta, dormire nudi fa bene.
Io personalmente non l’avevo MAI provato fino a un paio di mesi fa, io ho sempre dormito con pigiama completo poi ho deciso di provare e l’ho fatto per 30 giorni di seguito e i primi giorni direi che è stato strano, ho avuto incubi per un paio di giorni non so se sia una coincidenza o no, comunque poi mi sono abituata.
Dicono che migliori il sonno, la temperatura del corpo di notte cambia, si auto regola e il pigiama può disturbare questo processo naturale, migliora l’autostima, aiuta le parti basse a respirare e a mantenersi asciutte e sane. Quindi, eliminiamo i pigiami carini, che abbiamo comprato solo perché carini.
Ti incoraggio a provare, se puoi, penso sia una buona abitudine, personalmente penso che lo farò ogni tanto non sempre che è comunque bene, per il resto userò soltanto biancheria intima in cotone e qui ci colleghiamo al punto successivo.

5. Usare solo intimo in cotone, sopratutto per dormire

Io spero che l’era dell’intimo scomodo, non naturale per il corpo, che non respira sia finita. La salute per me non ha prezzo e la bellezza non è più importante della salute. Indossare intimo non in cotone sopratutto di notte significa che le parti intime non respirano, l’aria non passa e quindi stanno per tutta la notte nella propria umidità il che porta alla proliferazioni di batteri e infezioni, no no no. Sinceramente io non ricordo l’ultima volta che ho indossato dell’intimo non in cotone, ne avevo tanti ma piano piano li ho fatti fuori e ho ricomprato solo cotone. Non vedo l’ora di comprarne dei nuovi saranno in cotone organico, per esempio da Organic Basics, anche se avranno un prezzo maggiore va bene così, questo è il senso dell’avere poche cose permettersi prodotti buoni che non fanno male a me ne all’ambiente.

6. Stretching

Stretching è importante. Qualsiasi tipo di attività è importante: corsa, yoga, allenamento. Stretching però, aiuta in così tanti modi lo stato del nostro corpo, aiuta a rilasciare la tensione accumulata, a rilassare, aiuta la postura, fare le cose quotidiane come stare seduti muoversi, allenarsi diventa più facile e lo possiamo fare ovunque, a casa in vacanza in palestra al parco, non servono attrezzature specifiche, e non ci vuole tanto tempo. Può essere 5 minuti, 10 minuti, mezz’ora, quello che si vuole e si può dedicare. Io faccio ogni mattina almeno 5 minuti di stretching se non faccio yoga e magari degli squat o salti con la corda, per me varia leggermente da periodo a periodo ma stretching c’è sempre. Anche alla sera prima di andare a letto, un paio di movimenti fanno così bene mi danno proprio quella sensazione di ahhh relax.

Non basta svolgere movimenti tanto per, ma farlo con intenzione con impegno e tirare tirare e sentire i muscoli, andare con il pensiero al muscolo dove sentiamo dolore.

Porta via pochi minuti quindi non si tratta di avere tempo per farlo quanto volontà ma quando senti i benefici lo fai volentieri.

7. Utilizzare olio di cocco

Sull’utilizzo dell’olio di cocco potrei fare un articolo intero ma non so quanto possa interessare, qui voglio toccare solo 2 dei suoi usi.
Al posto della crema corpo, soprattutto dopo aver rasato parti del corpo, io per esempio rado le gambe quindi lo applico sulla pelle dopo la doccia ed è fantastico.
E poi come lubrificante, si l’olio di cocco può essere usato sulle parti intime e dentro queste.
Non disturba la flora naturale non irrita, non contiene ingredienti che fanno addirittura male a quelle zone. L’olio di cocco invece idrata la pelle, è sicuro da usare, guarisce, è anti batterico e anti fungino.
Io consiglio di usare uno bio, lascio quello che uso io qui.

8. Scriversi obiettivi raggiungibili per la giornata

È qualcosa di soddisfacente. Mettersi un obiettivo, raggiungerlo e fare check.
Possono essere obiettivi semplici come bere 4 bicchieri d’acqua. Oppure dei passi per raggiungere un obiettivo maggiore, come imparare a fare qualcosa per poi essere in grado di creare un qualcosa di più grande.
Scriverli significa non dimenticarsene, quindi aiuta a diventare più costante ed è soddisfacente arrivare a fine giornata con gli obiettivi raggiunti.
Scrivere cose che si fanno già senza pensare non serve, scrivere di fare la lavatrice il sabato mattina quando già la si fa ogni sabato mattina no, scrivere invece quello che vorremmo fare in modo che diventi abitudine, in modo da non doverci più pensare, come nel caso dell’acqua – se ci si abitua a bere una certa quantità d’acqua poi diventa automatico farlo.

9. Gua sha + roller in quarzo rosa

alt=Uso questi strumenti da qualche mese e sono entrati decisamente nella mia routine, uso uno o l’altro o entrambi ogni giorno.
Preferisco più il Gua Sha, lo uso dopo aver lavato il viso o ancora meglio se dopo doccia e dopo aver applicato un olio e faccio movimenti  dal basso verso l’alto per esempio dal mento verso le orecchie per circa 1 minuto, il roller invece lo uso più sotto gli occhi e un po’ anche sul viso per la piacevole sensazione fredda.

È una tecnica della medicina tradizionale cinese, non è moda – fa circolare il sangue, aiuta a rilasciare la tensione, a far muovere il liquido linfatico, riduce la ritenzione d’acqua e quindi il gonfiore.
Quello che uso io al momento non è disponibile, – uno simile è questo.

10. Mangiare dolci fatti in casa

Ho lasciato il più buono alla fine.
Io, vi dirò sinceramente, non sono golosa per i dolci, li mangio perché mi piacciono ma non ne sono assolutamente dipendente, potete togliermi tutti i dolci per il resto della mia vita ma non toglietemi il salato. Mentre al mio ragazzo i dolci piacciono molto e se prende una scatola di dolci, di gelati, di cioccolatini stai sicuro che non durano fino a sera quindi i dolci io li preparo fatti in casa, sempre. E qui voglio condividere con voi una ricetta molto semplice, più semplice e veloce non esiste credetemi ma anche super deliziosa e salutare che chi mi segue su Instagram già conosce – se ancora non mi seguite questo è il mio Instagram mi trovate sempre con il nome Spaziogrigio.

Prepariamo dei dolcetti senza cottura e vegani.

alt=Ingredienti:

– 10 cucchiai di farina di cocco o cocco rape
– 5 cucchiai di cacao puro amaro
– 3 cucchiai di zucchero grezzo di canna
– 10 cucchiai di bevanda vegetale (io uso quella di soia non zuccherata)

Mescoliamo gli ingredienti secchi per 10 secondi e aggiungiamo la bevanda vegetale.
Mescoliamo bene e cominciamo a formare le palline con le mani e poi le passiamo in una ciotola con del cocco. Tutto qui, sono pronti in circa 10 minuti.

È meglio lasciarli in frigo per un’oretta prima di gustarli, ma potete assaggiarne uno anche subito – è impossibile resistere. Vi dico solo che la prima volta che avevo scoperto questa ricetta l’avevo fatta per 3 giorni di seguito.

Il bello di preparare i dolci a casa è che si è in controllo di quello che si usa – della qualità degli ingredienti. A me piace usare solo zucchero di canna grezzo, cacao certificato, latte di soia italiana e bio e così via.

Queste erano alcune delle mie abitudini sane. Se l’articolo ti è piaciuto e ti è stato utile supportami con un commento o condividendolo sui social media. Se sei nuovo su questo blog – iscriviti alla Newsletter Domenicale per contenuti su crescita personale, minimalismo e uno stile di vita sano.

Articoli correlati:

I migliori sport per donne
5 idee di colazione sana e veloce

Recensione prodotti BULK POWDERS

Recensione prodotti BULK POWDERS

Uso i prodotti da Bulk da circa due anni e sono sempre rimasta pienamente soddisfatta dalla qualità, dai prezzi e dai servizi di consegna.

La loro filosofia è avere i prezzi più bassi d’Europa mantenendo alta la qualità. Sono prodotti in UK, si acquistano online in modo sicuro sul loro sito che è davvero facile da navigare, per poi riceverle comodamente a casa in 3-4 giorni. La consegna per ordini superiori a 50euro è gratuita, infatti io solitamente faccio un ordine unico con tutti i miei prodotti preferiti (vedi sotto) una volta in circa due mesi.

Offerte

Sia le proteine vegane BULK sia gli altri prodotti sono spesso scontati. Hanno delle offerte incredibili, davvero incredibili, a volte del 70%, spesso del 45%, e del 35% sul primo acquisto. Trovi i codici sconto sulla home del sito oppure sotto ogni prodotto.

I prodotti che compro solitamente si dividono in due maggiori categorie:

Noci e semi

Proteine post allenamento

Vediamo ciascuno di questi:

Burro d’arachidi 100%
alt=

Confezione da 1kg di burro d’arachidi 100% arachidi senza additivi che basta per mesi ad un prezzo molto vantaggioso 6,29eur (prezzo mostrato 8,99 ma riesco a prenderlo sempre a 6,29 grazie agli sconti sempre presenti sul loro sito).
È ricco di proteine, fibre e grassi buoni. Io lo utilizzo sui pancake, come snack su toast o su una banana o per preparare dei buonissimi dessert con cacao e datteri.

Burro di mandorle 100% naturale 

alt=

Anche il burro di mandorle è puro e naturale al 100%. È prodotto a partire da mandorle senza buccia e non contiene additivi o conservanti, ne aggiunte di sale, zucchero od olio di palma.

Dal punto di vista nutritivo, il burro di mandorle è straordinario. Presenta un elevato contenuto di proteine e fibre ed è ricco di grassi monoinsaturi sani per i quali è stato dimostrato un effetto di riduzione del colesterolo cattivo e di aumento del colesterolo buono.

Può essere utilizzato come snack sano, per colazione oppure nei dolci.

Anacardi Interi

alt=

Gli anacardi interi sono assolutamente crudi e naturali. Non sono tostati né salati e possono essere mangiati direttamente dalla confezione salvafreschezza in cui sono forniti. Dato il loro eccezionale profilo nutritivo, vengono talvolta chiamati “la pillola vitaminica della natura”. Oltre a essere uno snack naturale ideale da consumare tra un pasto e l’altro, sono anche deliziosi.

A livello nutritivo contengono elevati livelli di acidi grassi sani, in particolare grassi monoinsaturi e polinsaturi. Inoltre, sono un’eccellente fonte di proteine alimentari e sono ricche di vitamine e minerali quali vitamine B, ferro, magnesio, fosforo, zinco, rame e manganese.

Io utilizzo gli anacardi come snack, nella colazione sul porridge oppure per preparare una salsa per condire la pasta simile alla “cacio e pepe”.

Mezze Noci

alt=

Le noci sono uno snack salutare, ideale in qualsiasi momento della giornata. Io inoltre li aggiungo al porridge al mattino e nelle torte.

Sono una fonte ricca di acidi grassi essenziali omega-3, il più notevole dei quali è l’acido alfa-linoleico, che presenta attività antinfiammatoria. Sono anche ricche di importanti minerali e antiossidanti, come il manganese e il rame. Inoltre, le mezze noci contengono elevati livelli di vitamina E, che offre una serie di benefici per la salute, da una pelle più sana a effetti positivi sulla funzionalità prostatica.

Scaglie di cocco
alt=

È un prodotto naturale, costituito dalla polpa di cocco non tostato e senza additivi. Io lo aggiungo al porridge della colazione e nei dolci fatti in casa.

Granella di cacao crudo biologico
alt=

La Granella di cacao crudo biologico proviene da piantagioni biologiche situate in Peru. Hanno una consistenza croccante e attenzione un leggero sapore amaro dato che sono un prodotto naturale senza aggiunta di zuccheri o altro.
Puoi aggiungerli alla colazione, ai dessert e per la preparazione di dolci fatti in casa.

Semi di chia
alt=

I semi di chia sono stati descritti come uno degli alimenti più sani al mondo. Nonostante le loro piccole dimensioni, i benefici dei semi di chia sono innumerevoli: alti livelli di proteine, fibre, tutti gli 8 aminoacidi essenziali, acidi grassi omega-3 e un contenuto di minerali eccezionale.

Io li aggiungo al porridge della colazione e per preparare il chia pudding, l’importante è non esporli a temperature alte e possibilmente lasciarli in ammollo.

 

Utilizzo le proteine vegane BULK da più di un anno e sono rimasta soddisfatta fin dal primo acquisto. I prodotti sono di ottima qualità a prezzi accessibili e sono pensati per chi pratica sport ma è anche attento alla sua salute.

Proteine vegane BULK™

alt=Le proteine che io acquisto maggiormente sono VEGAN ALL IN ONE gusto cioccolato con arachidi.
Da utilizzare post-allenamento, contiene 29 g di proteine oltre a creatina, amminoacidi ed enzimi digestivi. Le proteine sono ricavate da piselli, riso integrale, zucca, semi di lino e di quinoa, senza soia e glutine, con l’aggiunta di aromi e dolcificanti (stevia) naturali.

Già dopo due mesi di lavoro con i pesi, più integrazione di proteine vegane bulkpowders (uno shake dopo ogni allenamento), i miei addominali si erano trasformati da soffici e morbidosi a ben definiti e i glutei definitivamente più sodi.

Barrette proteiche vegane

alt=

Offrono un’eccezionale apporto di 21g di proteine per barretta (di più rispetto alla maggior parte dei prodotti in commercio), derivate da Piselli e Riso Integrale.

Offerte

Sia le proteine vegane BULK™ sia gli altri prodotti sono spesso scontati. Hanno delle offerte incredibili, davvero incredibili, a volte del 70%, spesso del 45%, e del 35% sul primo acquisto.

 

Altri articoli che potrebbero interessarti:
I migliori sport per donne: corpo sano, tonico e flessibile.
Body positivity | 10 passi per accettare il proprio corpo.

I migliori sport per donne: corpo sano, tonico e flessibile.

I migliori sport per donne: corpo sano, tonico e flessibile.

Questo articolo è dedicato alle donne ed ai migliori sport per donne, perché essendo donna, posso parlare per esperienza propria. Gli sport migliori sono quelli che permettono di raggiungere la salute fisica e mentale, quindi ottenere un corpo sano, tonico, flessibile e proporzionale ed una mente rilassata ed in pace con il proprio aspetto.

Per avere un corpo sano ed in forma non basta perdere peso, bisogna anche tonificare i muscoli con esercizi mirati. E se vuoi dei veri risultati evita i corsi di aerobica, zumba, gag, un paio di volte a settimana, a meno che questo non ti porti gioia e benessere allora continua pure ma non sperare di ottenere il fisico dei tuoi desideri con queste attività.

I migliori sport per donne per un corpo sano, tonico e flessibile sono:

Yoga

alt=Lo yoga fa bene al corpo e alla mente. Hai presente quando sei stanco e finalmente ti siedi e esclami AHHHH in segno di rilassamento? Ecco, lo yoga ha questo effetto sul nostro corpo e la nostra mente che tutto il giorno eppure la notte sono sovrautilizzati. Ma non solo, lo yoga attiva quei muscoli dimenticati da molto tempo, attiva gli addominali e aiuta a tonificare tutto il corpo e a dimagrire. Infatti la pratica delle posizioni dello yoga varia da molto rilassante a molto intensa, ma qualsiasi tipo di pratica promuove l’allungamento e la tonificazione dei muscoli rendendo il corpo più snello.
Migliora la connessione mente – corpo, insegna ad accettare e amare il proprio corpo, migliora il sonno e l’alimentazione.

A livello fisico, c’è da sottolineare però, che non otterrai i risultati che si ottengono con il sollevamento pesi (vedi sotto).

Lo yoga non richiede molto tempo, io solitamente ci dedico dai 20 ai 40 minuti. Non servono conoscenze approfondite o un corso specifico, non serve abbigliamento apposito e nemmeno un posto speciale. Se è la prima volta che ti avvicini allo yoga, ti consiglierei di seguire un corso per poi continuare a casa da sola o con videoguide online.

Comunque, mi sento di aggiungere che lo yoga non è per tutti, se non lo senti tuo, riprova, dagli un’altra possibilità e se non scatta l’attrazione – fai altro.
Lo yoga è più che uno sport, per me è il mio posto sicuro, un luogo dove ci torno ogni volta che mi sento sopraffatta, quando ho bisogno di riprendermi il tempo.

Benefici:
– Tonifica e rafforza
– Rende il corpo più flessibile
– Rilassa e diminuisce lo stress e l’ansia
– Fa bene al cuore
– Previene l’osteoporosi
– Aiuta a sconfiggere e prevenire il mal di schiena
– Brucia calorie

Sollevamento pesi

Ragazze e donne, non abbiate paura dei pesi – sollevare pesi non fa diventare come Hulk. Spalle fragili e ossute non proporzionali al sedere, braccia e cosce mollicce, sedere piatto, postura scorretta. Ecco, sollevare pesi serve proprio a questo, per modellare il corpo, rassodarlo e renderlo proporzionale. Una donna, che non prende testosterone, non potrà mai raggiungere masse muscolari “da uomo”, anzi otterrà un aspetto tonico e asciutto. E perché no, anche più forte, non avrai più bisogno di un uomo per aprire i barattoli, per sollevare scatoloni e portare borse pesanti. Rafforza inoltre i muscoli della schiena, e insegna a sollevare in modo corretto utilizzando le braccia, prevenendo così futuri problemi alla schiena ed ernie.
Gli esercizi fondamentali sono squat e stacchi da terra, flessioni, trazioni e distensioni su panca, se il personal trainer non te li propone, chiedigli di farlo.

Per questa attività è importante il consumo di quantità sufficienti di proteine e l’unico modo di riuscirci, senza aumentare la quantità di carne e quindi di grassi consumati, sono le proteine in polvere preferibilmente di origine vegetale che sono più sane, più leggere e il recupero muscolare è più veloce.

Io già dopo due mesi di palestra (5 minuti di corsa + sollevamento pesi) e uno shaker di proteine dopo ogni allenamento avevo notato una bella differenza.

Le proteine che uso da più di un anno e che quindi consiglio sono quelle vegetali marca BULKPOWDERSprecisamente queste.

Se non è possibile farti seguire da un personal trainer, non è un problema, l’importante è chiedere un primo appuntamento per valutare gli obiettivi e creare una scheda. Dev’essere un istruttore competente, io ho capito di averne trovato uno quando mi ha creato la scheda con gli esercizi sopra citati e non con i soliti macchinari per i glutei (adduttori, abduttori) che sono gli attrezzi più utilizzati dalle donne e allo stesso tempo più inutili.
Durante questo appuntamento, solitamente, il personal trainer insegna anche l’utilizzo degli attrezzi, importante per non sentirsi poi imbranate e fuori luogo.

Benefici:
– Aiuta a creare il corpo che si desidera
– Brucia calorie
– Insegna a sollevare in modo corretto
– Aumento della resistenza muscolare
– Previene problemi al cuore e l’osteoporosi

Corsa

alt=Parlare dei benefici della corsa sembra quasi inutile. Si sa, la corsa fa bene, al fisico, alla mente e al nostro benessere in generale. A livello fisico, la corsa è perfetta per dimagrire perché fa bruciare tantissime calorie ma anche per rassodare le gambe ed i glutei.
All’inizio, correre anche per 20 minuti senza sosta non sarà facile quindi in un primo momento si può alternare la corsa alla camminata a passo veloce, per riuscire, dopo qualche settimana a correre senza fermarsi. Consiglio di iniziare con 15 minuti e aumentare gradualmente fino ai 30 minuti.

Ma io odio correre, come faccio? Comincia a correre, ne diventerai dipendente. Io amo e odio correre allo stesso momento (soprattutto perché corro alle 7 del mattino anche con il buio) ma quello che adoro è la sensazione di forza e potere che mi dà – ho la vita nelle mie mani.

Benefici:

– Brucia calorie
– Antidepressivo (produce gli ormoni del buonumore)
– Riduce lo stress e l’ansia (ha l’effetto di un ansiolitico)
– Riduce il rischio di malattie cardiache, di tumori e osteoporosi
– Rinforza il sistema immunitario (grazie all’effetto antinfiammatorio)
– Migliora le funzioni cognitive (grazie alla vascolarizzazione cerebrale, si impara meglio, prima e aiuta la memoria)
– Aumenta quindi il benessere generale e la fiducia nelle proprie capacità fisiche e psicologiche.

Consigli:

Ma come in tutto e per tutto, sono la costanza e la frequenza i fattori decisivi. Fare queste attività, qualsiasi di queste, una o due volte a settimana non produrrà un vero effetto. Devono essere svolte da tre volte a settimana in sù. I giorni che non si fa lo sport scelto, si può fare una camminata veloce anche di 10 minuti o dello stretching in casa.
Tuttavia, uno non esclude l’altro – questi tre tipi di sport possono essere abbinati insieme per un mix perfetto di attività che aiutano a rilassare, a dimagrire e ad ottenere il corpo dei nostri sogni. Un esempio di mix potrebbe essere:
Sollevamento pesi – 3 volte a settimana per 40 minuti
Yoga a casa – 2 volte a settimana per 20 minuti
Corsa al mattino – 2 volte a settimana per 20 minuti

Quello che consiglio è di:
Crearti una routine adatta alle tue esigenze e ai tuoi tempi
Trova un compagno con cui fare attività
Comprati abbigliamento adatto che ti piaccia
Ogni volta che hai la possibilità di fare un movimento fisico, fallo (salire le scale, andare a piedi al posto della macchina, stare in piedi al posto di sedersi…)

Questi erano, in mia opinione, i migliori sport per donne: per un corpo sano, tonico e flessibile.

Fammi sapere cosa ne pensi sotto nei commenti e se l’articolo ti è piaciuto o l’hai trovato utile condividilo con i tuoi amici.

 

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Recensione proteine vegane BULK POWDERS™

Body positivity | 10 passi per accettare il proprio corpo.

CORSO CREA IL TUO SPAZIO

 

ISCRIVITI AL CORSO GRATUITO CHE TI INSEGNA COME CREARE IL TUO BLOG/SITO E ALTRI CONTENUTI SIMILI.

Il corso consiste in 5 lezioni che riceverai tramite e-mail – 1 lezione al giorno per 5 giorni. 

Controlla la posta per confermare l'iscrizione, se non ricevi nulla (nemmeno nella posta indesiderata) contattami all’indirizzo: [email protected] Dopo aver confermato, riceverai la prima lezione.