COME SOSTITUIRE LA PLASTICA – PLASTIC FREE

da | Mar 5, 2021 | BUONE ABITUDINI

Io faccio sempre più attenzione alla plastica e voglio condividere con voi come sostituire la plastica e quindi delle alternative valide ai prodotti di plastica.

La plastica va evitata e noi dobbiamo trovare le alternative – ma questo va fatto con consapevolezza e non per moda.

Ho fatto questa precisazione perché ci sono persone che fanno i cambiamenti in modo insostenibile anche se l’intenzione sincera è la sostenibilità.

Per esempio: se hai ancora tre spazzolini nuovi, usali e poi compra la versione sostenibile in bambù o con le testine intercambiabili in plastica biodegradabile, oppure se hai ancora sapone e shampoo in bottiglie, finiscili e poi acquista quelli solidi.

Vediamo ora come sostituire la plastica in diverse aree.

alt=

Bagno

Spazzolino da denti in bambù

alt=

Salviette in cotone lavabili  sostituiscono i dischetti in cotone monouso e gli scrub.

alt=

Panno struccante strucca senza nessun prodotto, solo con acqua quindi sostituisce sia i dischetti monouso in cotone sia la soluzione struccante solitamente venduta in plastica.

alt=“"

Oli per viso e corpo in contenitori di vetro invece delle creme.

alt=

Sapone solido di Marsiglia

alt=“"

Rasoio di sicurezza + lamette – invece dei rasoi in plastica.

alt=

Shampoo solido – il mio preferito

alt=“"

Spugna per la doccia in loofa

alt=

Spazzola per dry brushing – spazzola per corpo che sostituisce gli scrub, da usare sulla pelle secca prima della doccia.

alt=

Pettine in legno

alt=

Spugnetta naturale di Konjac – per pulire il viso.

alt=

Cotton fioc in legno

alt=

Coppetta mestruale

alt=

Cucina:

Borsa della spesa in cotone – che uso quasi ogni giorno e non solo per la spesa.

alt=

Spazzola per lavare i piatti

alt=

Contenitore in vetro per il detersivo per i piatti – che riempio quando finisce e che acquisto in formato sfuso.

alt=“"

 

Contenitori per cibo in vetro

alt=“"

Caraffa con il filtro per l’acqua – invece delle bottiglie.

alt=

Fashion

Per quanto riguarda l’abbigliamento, cerco di acquistare solo tessuti naturali come cotone, bambù, tencel/lyocell, lino e così via. Quindi cerco di evitare tessuti come poliestere, acrilico… che rilasciano microfibre di plastica durante il lavaggio che poi finiscono nell’ambiente, nel mare, noi stessi ingeriamo queste microfibre.

Maglietta in tencel (lyocell)

alt=“"

Pantaloncini Biker in bambù

alt=“"

 

 

8 Commenti

  1. Ale

    Ciao Irina, i tuoi consigli e le tue idee sono sempre molto interessanti! La tua missione, di condividere uno stile di vita sano per noi stessi e per l’intero pianeta, è qualcosa di meraviglioso. Complimenti e grazie perché conoscendo il tuo canale ho iniziato anche io ad approcciarmi al cambiamento…per essere una persona migliore!! ❤️

    Rispondi
  2. Michela

    Ciao Irina! Una bella lista 😍 La mia ultima aggiunta alla cucina plastic-free è la carta forno biodegradabile! Comodissima e costa uguale a quella che va buttata nel secco.

    Rispondi
  3. Maurizia

    Ciao Irina! Condivido in pieno ogni scelta ed è bello condividere questo nuovo stile di vita fatto di meno plastica, è sempre molto interessante leggere i tuoi articoli

    Rispondi
  4. Christian López Chevéz

    In alcune cose penso che il cambiamento non sia facile (ho bisogno di maggiori informazioni) ma ho trovato un post super interessante. Grazie!

    Rispondi
  5. Mattia D'Ascanio

    Molto brava, anch’io tengo molto all’ambiente, farò tesoro di tutto ciò… grazie.

    Rispondi
  6. Jessica

    Articolo molto utile!! Grazie !

    Rispondi
  7. Chiara

    Ciao Irina! Grazie per tutti i preziosi consigli e i video su Youtube! Vorrei eliminare la plastica anche nel caso del detergente intimo, tu usi il sapone di Marsiglia per tutto il corpo? O hai qualche altro detergente in formato solido, specifico per le parti intime, da consigliare? Grazie!

    Rispondi
    • Alessandra

      Se posso darti un suggerimento, io eviterei di usare il sapone come detergente intimo perché, avendo un ph molto basico, potrebbe alterare la flora batterica. Esistono dei detergenti intimi solidi (li trovi ad es. da Negozio Leggero o sul sito Queens Wood World) ma non so quanto siano sicuri perché il ph delle zone intime è particolarmente basso e i detergenti solidi, di solito, hanno ph più alti.
      Potresti optare per un detergente liquido con vuoto a rendere come quello di Negozio Leggero o di Biolù.

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli che potrebbero piacerti:
20 abitudini minimaliste per una vita più semplice

20 abitudini minimaliste per una vita più semplice

Acquisire delle abitudini minimaliste e salutari migliora considerevolmente la propria vita perché semplifica il modo in cui viviamo. In questo articolo è mia intenzione dimostrare che semplificare la vita attraverso 20 abitudini minimaliste significa anche migliorarla.

leggi tutto
JOURNALING – cosa scrivere nel diario

JOURNALING – cosa scrivere nel diario

Mi sono ricordata di quando volevo tenere un diario, vedevo gli altri averne, ne compravo di carini ma dopo due pagine abbandonavo. Non sapevo cosa scrivere né avevo più voglia di farlo. Mi sembrava banale scrivere che cosa ho fatto e scrivere i pensieri troppo complicato.

leggi tutto